Cofanetto-reliquiario dei Santi Innocenti

Cofanetto-Reliquiario dei Santi Innocenti

 

AUTORE

Wenzel Jamnitzer

DATA

terzo quarto del sec. XVI

MATERIA E TECNICA

Bronzo dorato con pietre false, finiture a bulino e cesello

 

Il cofanetto, probabilmente nato con destinazione non religiosa, come testimonia il fregio sul coperchio con le “mani in fede” che sorreggono un cuore, fu forze un dono di nozze divenendo un piccolo forziere per gioielli. L’oggetto fui donato dall’imperatrice d’Austria a Lodovico Antinori, ambasciatore del Granduca di Toscana. È probabile che l’imperatrice avesse richiesto all’atelier di corte la trasformazione del cofanetto in sacro contenitore di reliquie, facendo aggiungere sopra il coperchio il Crocifisso con i due ploranti. In questa forma pervenne alla Sacrestia della Cattedrale il 9 novembre 1575, quale dono dello stesso Lodovico Antinori, già vescovo di Volterra (1568-1573). Oggi il manufatto non contiene più le reliquie, perché ne furono sottratte e disperse dai ladri che depredarono il Museo Diocesano la notte di Natale del 1984. Successivamente l’opera fu recuperata dai Carabinieri della tutela del patrimonio artistico

           

          Museo Diocesano di Arte Sacra Volterra

Chiesa di Sant'Agostino,

Piazza XX Settembre, 56048 Volterra PI

Tel. 0588 87733  e-mail ubce@diocesivolterra.org

sanlinologo.jpg

Diocesi di

        Volterra

download.png
  • Facebook

Privacy

mibact.jpg